Aprile 2010

17 aprile

presso la biblioteca “S.Marco” annessa alla Parrocchia del Quartiere Giuiano-Dalmata si è tenuto l’incontro con il presidente del: “Libero Comune di Pola” Ten. gen. Dr. Silvio Mazzaroli

che ha presentato il cortometraggio:

“La cisterna – Istria Terra amata”

Il filmato è stato realizzato dal “Libero Comune di Pola in Esilio” in collaborazione con l’Associazione Grado Teatro.

Prodotto da “Immaginaria” in collaborazione con il Libero Comune di Pola in Esilio grazie al contributo del Fondo Regionale per l’Audiovisivo, il documentario si compone di alcuni frammenti tratti dallo spettacolo teatrale in dialetto istro-veneto scritto dall’esule rovignese Bruno Carra Nascimbeni “La cisterna – Istria terra amata” e interpretato dalla compagnia amatoriale “Grado Teatro”, di interviste a otto esuli istriani (perlopiù residenti a Grado) e di brevi ricostruzioni storiche con filmati d’epoca e cartine.

L’audiovisivo, partito da un’idea del generale Silvio Mazzaroli, direttore de “L’Arena di Pola” e assessore (allora sindaco) del Libero Comune di Pola in Esilio, è stato realizzato dal regista Dorino Minigutti con la sceneggiatura di Francesco Accomando e la fotografia di Bruno Beltramini. La durata complessiva è di 52 minuti.
Il documentario inizia con le prove generali che la compagnia “Grado Teatro”, all’interno dell’ex Campo Raccolta Profughi di Padriciano, sta facendo dello spettacolo “La cisterna – Istria terra amata”, il quale racconta la storia emblematica di una famiglia rovignese dal 1935 al 1959.

Tra gli attori e le comparse alcuni, come il responsabile della compagnia Tullio Svettini, vissero in prima persona l’esodo. A dirigerli c’è Francesco, un regista teatrale che quella tragica esperienza non l’ha vissuta e ora la scopre attraverso libri di storia, testimonianze dirette e audiovisivi d’epoca, ma soprattutto attraverso il testo che un altro esule, Bruno Carra Nascimbeni, ha scritto per raccontare la storia sua e dei suoi familiari.

Il regista si interroga sul significato della memoria, sul motivo che spinge lui e il gruppo ad affrontare quest’opera, questo pezzo di storia negata. Francesco approfondisce la conoscenza, si confronta, domanda, si mette in gioco. Nel documentario agli spezzoni della rappresentazione teatrale si alternano le testimonianze degli attori e delle comparse, le loro riflessioni fuori scena, ma anche le immagini e i suoni della vicende politico-militari di allora. Il quadro che ne esce è quello di un popolo incolpevole che ha pagato con i massacri e le vessazioni dei titini e la lacerazione dell’esodo il prezzo della sconfitta dell’intera nazione italiana.

Il documentario, già proiettato in alcune parti d’Italia a beneficio degli studenti, fa parte di un DVD che propone anche testimonianze di istriani “rimasti” e una più ampia sintesi dello spettacolo teatrale. Il DVD contiene inoltre un opuscolo con una sintesi della plurimillenaria storia istriana scritta dal giornalista Paolo Radivo, redattore de “L’Arena di Pola” e consigliere del Libero Comune di Pola in Esilio. Tale testo è reperibile anche sul sito www.arenadipola.it.

 

Martedi 27 aprile 2010 alle ore 16.00 presso le sale di rappresentanza della Regione FVG – Roma – Piazza Colonna, 355  si è tenuta l’attesa conferenza su:
“Il Parco Tematico delle Grande Guerra sul Carso Monfalconese”
Relatore: Dott. Marco Mantini
Per il Comune di Monfalcone: Dottoressa Silvia Altran – Vice Sindaco.

Mese: Aprile   Anno: 2010  IL PERIODICO “GIULIANI NEL MONDO”  – EDIZIONE ELETTRONICA PARLA DELLA NOSTRA MANIFESTAZIONE

22/04/2010 – Conferenza a Roma sulla Grande Guerra sul Carso

L’Associazione Triestini e Goriziani in Roma organizza Martedi 27 aprile 2010 alle ore 16.00, presso la sede romana della Regione FVG una conferenza sul tema “Il Parco Tematico delle Grande Guerra sul Carso Monfalconese” a cura del Dott. Marco Montini. Ospite dell’incontro, per il Comune di Monfalcone, il Vice Sindaco dott.ssa Silvia Altran.

Print Friendly, PDF & Email