Roberto Pagan, un incontro straordinario. Dicembre2023

ROMA – Ieri, 18 dicembre, alla Casa del Ricordo incontro col poeta vernacolare triestino Roberto Pagan di 89 anni che ha letto e commentato la sua ultima raccolta di poesie “CHISSÀ SE ANCORA…” edita da Cofine di Vincenzo Luciani. Hanno portato i saluti Donatella Schurzel, presidente Anvgd di Roma e Carlo Leopoldi presidente Associazione Triestini e Goriziani a Roma. Ha presentato e moderato la serata Marino Micich direttore dell’Archivio Museo storico di Fiume. L’ intervento del critico Dr. Rossi ha ben introdotto la poesia del poeta Roberto Pagan, mettendone in rilievo alcuni versi che dietro a una velata ironia, rimandano a un profondo sentire la vita. Vincenzo Luciani ha posto in rilievo l’ opera pubblicata di Pagan e ha posto l’accento sul valore della poesia vernacolare, un bene da conoscere e tutelare. Luciani anche lui, oltre a essere editore è poeta, piu’ volte premiato e grande promotore di iniziative letterarie non solo a Roma ma anche sul territorio nazionale.

Tra i presenti Roberto Sancin, attualmente consigliere dell’ Associazione Giuliani nel Mondo dopo essere stato per anni presidente dell’ Associazione Triestini e Goriziani a Roma, Lorenzo Salimbeni responsabile per la comunicazione Anvgd e la presidente del Rotary club di Roma sud Graziella Carassi.

M. Micich

Il Poeta Roberto Pagan

 

Il poeta Roberto Pagan ha letto le sue poesie, direi che le ha interpretate, recitate anche con una nota di ironia. Il libro CHISSÀ SE ANCORA rappresental’ultima sua raccolta di poesie in dialetto triestino. Ore passate velocemente dove la mente dei presenti seguiva la parola dell’artista, il poeta meglio di altri sa cogliere l’attimo fuggente delpassato e del presente. Se lo scultore scolpisce, il poeta scrive.

Roberto Pagan ha letto alcuni brani del libro CHISSÀ SE ANCORA per lui più significativi che ripercorrono la storia dell’Italia e di Trieste dal ventennio fascista ai giorni nostri.

Le ultime poesie del libro che ha letto sono un omaggio alla Roma di oggi. Cosa dire? È stato un pomeriggio memorabile da ricordare.

Grazie ROBERTO PAGAN

Antonella Belisario

Roberto Pagan e Vincenzo Luciani dell’ Editrice Cofine

 

Il presidente dell’Associazione Triestini e Goriziani a Roma Carlo Leopaldi saluta il poeta

 

Roberto Pagan Chissà se ancora
Print Friendly, PDF & Email